1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione

NUOVO Bando contributi affitto

AVVISO PUBBLICO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI INTEGRATIVI DIRETTI PER IL SOSTEGNO ALL'ACCESSO ALLE ABITAZIONI IN LOCAZIONE DI CUI AGLI ARTT. 38 E 39 DELLA L.R. 24/2001 E SS.MM.II.  ANNO 2020. IN ESECUZIONE DELLA D.G.R. E.R. 602/2020 E DELLA D.G.C. 93 del 06/07/2020 

IL BANDO HA DUE INTERVENTI CON SCADENZE DIFFERENTI, L'INTERVENTO 1 (diviso in A e B) CON SCADENZA 14/08/2020 e L'INTERVENTO 2 CON SCADENZA 03/09/2020

INTERVENTO 1: SCADENZA 14/08/2020
INTERVENTO 1A richiedenti aventi ISEE compreso tra 0,00 e 3.000,00: Beneficiari: Nuclei familiari con ISEE compreso tra 0,00 a 3.000,00, titolari di un contratto di locazione ad uso abitativo come previsto dalla DGR E.R. 602/2020; Graduatoria: Inserimento delle domande in graduatoria in ordine decrescente di incidenza del canone sul valore ISEE e, a parità di valore, del numero dei figli minori; in subordine, a parità di collocazione in graduatoria, si terrà conto dell'onerosità del canone, comprensivo della rivalutazione Istat. Entità del contributo: Il contributo massimo erogabile corrisponde a n. 3 mensilità d'affitto, per un importo massimo di € 1.500,00. Risorse disponibili: Le risorse disponibili per il suddetto intervento ammontano a €. 7.062,94, eventuali economie verranno utilizzate per finanziare l'intervento 1B.  
INTERVENTO 1B richiedenti che hanno subito un calo del reddito causato dell'emergenza COVID-19, con un limite di ISEE fino a 35.000,00 €.: Beneficiari: Soggetti che hanno subito un calo del reddito causato dell'emergenza COVID-19, con un limite di ISEE fino a 35.000,00 €. La perdita o diminuzione rilevante del reddito è dovuta, a titolo esemplificativo e non esaustivo, alle seguenti motivazioni: - cessazione o mancato rinnovo del rapporto di lavoro subordinato o atipico (ad esclusione delle risoluzioni consensuale o di quelle avvenute per raggiunti limiti di età); - cassa integrazione, sospensione o consistente riduzione dell'orario di lavoro per almeno 30 gg.: - cessazione, sospensione o riduzione di attività libero professionale o di impresa registrata; - lavoratori o lavoratrici stagionali senza contratti in essere ed in grado di documentare la prestazione lavorativa nel 2019; - malattia grave o decesso di un componente del nucleo familiare. Eventuali ulteriori o diverse motivazioni devono comunque essere espressamente riconducibili all'emergenza COVID-19. Il cambiamento della situazione lavorativa deve essersi verificato a partire dal 10/03/2020 (data di entrata in vigore delle disposizioni del DPCM del 09/03/2020 c.d. "Io resto a casa"). La riduzione del reddito familiare calcolato sui mesi di Marzo, Aprile e Maggio 2020 deve essere almeno del 20% rispetto al reddito trimestrale medio 2019 (calcolato secondo la seguente formula: "reddito del nucleo familiare 2019"/12 x 3). Tale riduzione deve essere autocertificata, da un componente del nucleo ISEE ai sensi del DPR n. 445/2000 con le conseguenze anche penali in caso di dichiarazione fraudolenta, e supportata dalla presentazione di adeguata documentazione (buste paga, certificazioni del datore di lavoro, fatture ecc.); Il reddito familiare 2020 è calcolato sulle buste paga o sul fatturato per il periodo indicato. Graduatoria: con riferimento alle tre fasce individuate dalla DGR ER 602/2020, ovvero: fascia 1: calo >70% fascia 2 calo >40% e < 70% fascia 3 calo >20% e < 40% dovrà essere riconosciuta priorità ai richiedenti collocati in fascia 1, a seguire ai richiedenti collocati in fascia 2 ed infine ai richiedenti collocati in fascia 3; La graduatoria sarà stilata in base all'incidenza del canone sul reddito di marzo-aprile-maggio 2020. A parità di incidenza, si terrà in considerazione il numero di minori presenti nel nucleo. A parità di collocazione in graduatoria, avrà precedenza la domanda con valore Isee più basso.   Entità del contributo: Il contributo massimo erogabile, comunque non superiore a €. 1.500,00 sarà cosi determinato: fascia 1: calo di reddito o fatturato >70%: contributo pari al 100% di 3 mensilità di canone di locazione; fascia 2 calo di reddito o fatturato >40% e < 70%: contributo paria al 70% di 3 mensilità di canone di locazione; fascia 3 calo di reddito o fatturato >20% e < 40%: contributo pari al 40% di 3 mensilità di canone di locazione; Risorse disponibili: Le risorse disponibili per il suddetto intervento ammontano a €. 7.062,94, eventuali economie verranno utilizzate per finanziare l'intervento 1A.

INTERVENTO 2: SCADENZA 03/09/2020
Beneficiari: Nuclei familiari con ISEE compreso tra 0,00 a 35.000,00; Assegnazione dei benefici L'assegnazione del beneficio avverrà mediante erogazione diretta a sportello, ovvero a favore dei richiedenti risultanti in possesso dei requisiti previsti fino ad esaurimento delle risorse disponibili secondo un criterio di priorità per ordine di arrivo delle domande. Tipologie di rinegoziazione ed entità del contributo: 1) Riduzione dell'importo del canone di locazione libero (art. 2, comma 1) o concordato (art. 2, comma 3) o transitorio (art. 5) La riduzione deve essere applicata per una durata minima, non inferiore a 12 mesi. La riduzione del canone deve essere: di almeno del 10% del canone originario; Il contributo è pari: al 50% dell'importo della riduzione del canone, per un contributo massimo, comunque, non superiore a € 1.500; L'entità e la modalità scelta per l'applicazione della riduzione dovrà essere esplicitata nella Scrittura privata registrata da allegare in sede di domanda; Qualora vi siano contratti con scadenza inferiore ai 12 mesi la riduzione dovrà essere applicata fino al termine dello stesso, purché tale termine consenta almeno 6 mesi di riduzione. 2) Riduzione dell'importo del canone con modifica della tipologia contrattuale da libero (art. 2, comma 1) o transitorio (art. 5) a concordato (art. 2, comma 3) Il contributo è pari al 70% dell'importo della riduzione del canone calcolata sui primi 12 mesi, per un contributo massimo,comunque, non superiore a € 2.500. La riduzione del canone è calcolata tra il canone annuo del contratto originario e il nuovo canone annuo percepito, come definito dagli accordi territoriali. 3) Stipula di nuovo contratto concordato (art. 2, comma 3) per alloggi sfitti Il contributo è pari al 50% del canone concordato per i primi 18 mesi, per un contributo massimo, comunque, non superiore a € 3.000. Il canone concordato mensile massimo ammesso è fissato in € 700. L'alloggio deve essere sfitto alla data di approvazione del presente avviso. Risorse disponibili: Le risorse disponibili per l'intervento ammontano a €. 14.125,87, eventuali economie verranno utilizzate per finanziare gli interventi 1A e 1B previsti dalla DGR ER 602/2020 e D.G.C. 93/2020.


 
 
 

Bando contributo affitto comunale

Il Comune di Coriano con determinazione del Responsabile dell'Area Servizi alla Persona n. 406 del 29/10/2019, ha approvato bando pubblico finalizzato a concedere contributi economici per ridurre l'incidenza del canone di affitto sul reddito dei nuclei familiari in condizione economica disagiata che utilizzano unità immobiliari in locazione ai sensi della L. 431/1988 in forza di regolari contratti.
I fondi comunali destinati a tale bando ammontano ad € 6.900,00

Le domande, complete della sottoscrizione di colui/colei che ha reso la dichiarazione sostitutiva allegando fotocopia di un documento di identità valido, dovranno essere presentate al Comune di Coriano, Piazza Mazzini 15 entro il giorno 03/12/2019




AGGIORNAMENTO DEL 16/12/2019

Qui di seguito l'elenco degli ammessi per il bando contributo affitto comunale. Le liquidazioni dei contributi saranno erogate nei primi giorni di marzo 2020.